Di fronte alla “ crisi del secolo ”, l’Unione Europea ha espresso la sua frustrazione per il ritardo e minaccia di vietare l’esportazione del vaccino Covid nel Regno Unito

Di fronte alla “ crisi del secolo ”, l’Unione Europea ha espresso la sua frustrazione per il ritardo e minaccia di vietare l’esportazione del vaccino Covid nel Regno Unito

Mercoledì, l’Unione europea ha minacciato di vietare l’esportazione di vaccini COVID-19 in Gran Bretagna per proteggere dosi rare per i suoi cittadini che affrontano una terza ondata della pandemia che metterebbe a repentaglio i piani di riprendere i viaggi quest’estate.

Il presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha affermato che il numero di decessi legati al virus Corona nell’Unione europea supera i 550mila ed è inferiore a un decimo della popolazione del blocco vaccinato, che la situazione epidemiologica si sta aggravando peggio.

“Siamo nella crisi del secolo”, ha detto ai giornalisti.

“Assistiamo alla formazione di una terza ondata di vertice negli Stati membri e sappiamo che dobbiamo accelerare i tassi di vaccinazione”.

Von der Leyen ha detto che il flusso di prodotti vaccinali è stato regolare con gli Stati Uniti, ma ha espresso frustrazione per il fatto che non erano stati consegnati da AstraZeneca in Gran Bretagna. Ha detto che 10 milioni di dosi sono state trasferite dalle fabbriche dell’Unione Europea all’ex stato membro.

“Stiamo ancora aspettando dosi dal Regno Unito”, ha detto Von der Leyen, nell’ultimo segno di deterioramento delle relazioni tra la Gran Bretagna e il blocco di 27 nazioni dalla Brexit.

“Se questa situazione non cambia, dovremo pensare a come rendere le esportazioni verso i paesi produttori di vaccini dipendenti dal loro livello di apertura. E valuteremo se le esportazioni verso i paesi con tassi di vaccinazione più alti di noi sono ancora proporzionate”.

Ha parlato mentre sei paesi dell’Unione europea si sono lamentati a Bruxelles per le scarse forniture che ostacolano una campagna di vaccinazione già bloccata nel blocco che lotta tra le consegne in calo da parte di AstraZeneca.

READ  Un documento classificato ha rivelato che i test rapidi Covid di 15 minuti sono fondamentali per riaprire la società irlandese

Aggiungendo alla complessità del panorama, diversi paesi dell’Unione Europea, tra cui il suo più grande membro Germania, Francia e Italia, questa settimana hanno sospeso l’uso del vaccino AstraZeneca, in attesa dei controlli di sicurezza.

La situazione minaccia che l’UNHCR ha annunciato l’intenzione di rilasciare un “certificato digitale verde” che raccoglierebbe informazioni su vaccinazioni, test e recupero COVID per consentire ai viaggiatori di attraversare nuovamente i confini liberamente.

I paesi del sud dell’UE dipendenti dal turismo e i fautori della nuova certificazione COVID-19 sperano di ottenere le approvazioni finali a giugno e di andare online giusto in tempo per l’alta stagione. Ma paesi come Francia, Belgio e Germania hanno espresso dubbi.

I paesi dell’Unione europea saranno spinti a concordare rapidamente una posizione comune per i loro 450 milioni di abitanti. Il compito è ulteriormente complicato dall’incertezza sulla capacità dei vaccinatori di trasmettere il virus e dal sospetto pubblico sui vaccini.

Reuters

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PBGOSSIPTV.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
pbgossiptv.com