Il DUP esorta i parlamentari a sostenere l’abolizione del protocollo NI

Il DUP esorta i parlamentari a sostenere l’abolizione del protocollo NI

Il DUP presenterà la prossima settimana un argomento per l’abrogazione del Protocollo dell’Irlanda del Nord alla Camera dei Comuni.

A piedi su una petizione che ha attirato più di 100.000 firme, lunedì prossimo è stato riservato il tempo al dibattito del DUP a Westminster.

Il DUP ha anche scritto a tutti i membri della Camera dei Comuni nel tentativo di unificare l’opposizione al protocollo.

La lettera, firmata dalla leader del Partito Democratico Unionista Arlene Foster e dal suo vice Lord Nigel Dodds, indica “grande” rabbia per l’esame delle merci provenienti dalla Gran Bretagna.

Ciò ha fatto arrabbiare la Commissione Europea a causa dell’attivazione dell’articolo 16, dove il Partito Democratico Unionista ha accusato il blocco di “opportunismo politico”.

“Le azioni e le dichiarazioni del comitato hanno causato grande rabbia e danno nell’Irlanda del Nord e hanno esacerbato l’idea che l’Unione europea stia giocando rapidamente e con orgoglio con l’Irlanda del Nord, e da un lato sta cercando di chiedere che il governo del Regno Unito adempia i suoi obblighi mentre si prepara a rinunciare agli elementi del protocollo quando si adatta alle esigenze del sindacato “.

La lettera delinea una serie di aree di attività che, secondo il partito, sono state interrotte da quando il protocollo è entrato in vigore e chiede la sua sostituzione.

Giovedì, il vicepresidente della Commissione europea Marus Civkovic terrà riunioni virtuali con un gruppo di gruppi nell’Irlanda del Nord.

L’Irlanda del Nord è rimasta nel mercato unico delle merci, quindi i prodotti che entrano nella regione dalla Gran Bretagna devono rispettare le rigide norme dell’Unione europea sulla salute degli animali e delle piante.

L’intera gamma di verifiche deve ancora essere implementata, con una serie di periodi di grazia ancora in corso.

L’accordo svizzero risolverà solo una parte del problema del protocollo

Arlene Foster ha affermato che un accordo in stile svizzero sulle spedizioni di prodotti agricoli nell’Irlanda del Nord risolverà solo parzialmente l’interruzione commerciale post-Brexit.

READ  Facebook per limitare la condivisione di notizie in Australia

Il leader del partito democratico unionista e primo ministro a Stormont ha affermato che mentre l’accordo potrebbe affrontare le questioni relative ai controlli sulla salute degli animali e delle piante, non allevierebbe la nuova routine doganale legata al protocollo dell’Irlanda del Nord.

La sig.ra Foster ha affermato che l’unico modo sostenibile per affrontare le questioni relative al protocollo è eliminarlo del tutto.

I suoi commenti sono avvenuti giovedì prima di una serie di incontri che vedranno l’Unione europea e il governo del Regno Unito raccogliere opinioni di commercianti e altri rappresentanti della società civile nell’Irlanda del Nord sull’impatto dei nuovi accordi commerciali nel Mare d’Irlanda.

Il modello svizzero è stato proposto come un modo per alleviare le interruzioni nella navigazione dalla Gran Bretagna all’Irlanda del Nord.

Secondo i termini del protocollo, che garantiva la libera circolazione delle frontiere nell’isola d’Irlanda, l’area rimaneva un mercato unico per le merci.

Ciò significa che i prodotti che entrano nella regione dalla Gran Bretagna devono rispettare le rigide norme dell’Unione europea sulla salute degli animali e delle piante.

I commercianti devono ora impegnarsi in una serie di nuovi processi e controlli per la spedizione di prodotti alimentari animali e vegetali attraverso il Mare d’Irlanda verso l’Irlanda del Nord.

L’accordo dell’UE con la Svizzera evita tali controlli perché gli svizzeri armonizzano le loro norme sulla salute degli animali e delle piante con le leggi di massa.

Quando l’Unione europea cambia le sue regole, gli svizzeri cambiano le loro regole per garantire che il consenso continui.

La signora Foster ha sottolineato che il protocollo non riguarda solo i controlli sanitari degli animali e delle piante.

Ha sottolineato che le aziende devono anche conformarsi ai nuovi requisiti di dichiarazione in quanto l’Irlanda del Nord deve far rispettare le norme doganali dell’UE nei suoi porti.

Il leader del DUP ha indicato che i dati doganali saranno richiesti sui pacchi inviati da GB a NI a partire da aprile.

READ  Blocco di tre giorni ad Auckland dopo nuovi casi di Covid-19

“L’accordo in stile svizzero ovviamente si occupa solo di un aspetto del protocollo, si occupa solo dei controlli SPS (sanitari e fitosanitari) e solo se l’intero Regno Unito è pronto per aderire all’Unione europea”, ha detto. .

“Quindi, in realtà non si occupa di tutte le altre questioni relative ai pacchi e alle attività commerciali e tutti questi altri problemi, quindi è solo una parte della soluzione e solo se il governo del Regno Unito acquista l’intero allineamento del Regno Unito.

“Quindi, quello che ci interessa davvero è una soluzione a lungo termine, una soluzione permanente ai problemi che stiamo affrontando”.

Il protocollo non è ancora completamente funzionante in quanto prevede una serie di periodi di grazia che limitano il numero di certificati e dichiarazioni richiesti per il trasporto delle merci.

Queste deroghe scadranno in vari punti nelle prossime settimane e mesi.

Il Partito Federale dell’Ulster, che sta anche lottando per abolire il protocollo, ha espresso sostegno a un accordo in stile svizzero come un modo per ridurre parte della burocrazia, che è destinata a intensificarsi drammaticamente quando il periodo di grazia che copre le merci dei supermercati scadrà all’inizio di aprile.

Sia il DUP che l’UUP chiedono un’azione in mezzo alla crescente rabbia tra sindacalisti e lealisti dell’Irlanda del Nord per gli ostacoli economici che la Brexit ha creato tra la regione e il resto del Regno Unito.

Il leader dell’UUP Steve Aiken ha esortato tutte le cinque parti principali di Stormont a chiedere congiuntamente un taglio nelle operazioni relative alla spedizione di prodotti agroalimentari.

Ha detto che non c’era contraddizione nel sostenere un accordo svizzero nello stesso momento in cui si stava organizzando una campagna per porre fine al protocollo.

“Una delle cose che dobbiamo fare è guardare a tutto ciò che possiamo fare per ridurre ciò che sta accadendo ora, e se esiste una qualche forma di riconoscimento dei prodotti agricoli, ciò significa che gran parte del confine del Mare d’Irlanda è scomparso, quindi perché farlo vuoi sostenerlo? ”Ha detto a Radio BBC Ulster.

READ  Covid-19: Joe Biden saluta mezzo milione di morti per coronavirus negli Stati Uniti con una festa alla Casa Bianca | Notizie dagli Stati Uniti

“Mettiamo al primo posto l’Irlanda del Nord, perché è lì che si trova il vero impatto: è sui nostri consumatori, è sulla nostra attività agricola”.

NI Retail, l’organismo che rappresenta i piccoli rivenditori in Irlanda del Nord, ha affermato che i periodi di grazia dovrebbero essere estesi.

Il ministro del Gabinetto Michael Gove ha esortato la Commissione europea a concedere proroghe fino a gennaio 2023 per fornire spazio per soluzioni.

Glenn Roberts, CEO di Retail NI, ha dichiarato al Comitato per le infrastrutture di Stormont che per il Regno Unito e l’UE è un onere dimostrare flessibilità.

“Non si tratta solo di estendere questi periodi di grazia solo per lei e di dare un calcio alla lattina”, ha detto.

“Abbiamo bisogno di soluzioni a lungo termine per queste sfide”.

In precedenza, il ministro dell’Economia Federativa Democratica Diane Dodds aveva detto che non si sarebbe opposta a un accordo in stile svizzero come riforma “a breve termine”.

Ma si chiedeva se il governo britannico avrebbe firmato un simile accordo.

La sig.ra Dodds, sostenitrice di lunga data della Brexit, ha affermato che un simile accordo risulterebbe nel Regno Unito “schiavo” delle regole dell’UE.

Ma ha aggiunto: “Non sono contraria a nulla che possa portare qualche sollievo a breve termine. Non sono contraria a un accordo in stile svizzero di per sé”.

Il ministro ha detto che un tale accordo significherebbe che l’intero Regno Unito dovrebbe conformarsi alle norme dell’UE sulla salute degli animali e sulla sicurezza delle piante.

“Non pensavo che questo sarebbe qualcosa con cui il governo potrebbe occuparsi”, ha detto a BBC Radio Ulster.

“Anche se questo governo dovesse occuparsene, un altro governo potrebbe non lavorarci”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PBGOSSIPTV.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
pbgossiptv.com