In una sorprendente scoperta, gli archeologi dell’Alaska scoprirono il vetro italiano arrivato negli Stati Uniti decenni prima di Colombo.

In una sorprendente scoperta, gli archeologi dell’Alaska scoprirono il vetro italiano arrivato negli Stati Uniti decenni prima di Colombo.

Gli archeologi in Alaska hanno portato alla luce alcune perle di vetro veneziane che si ritiene abbiano più di 540 anni e si sono trasformate nei primi manufatti europei trovati nel continente.

Se è vero, le sfere di marmo sono arrivate in Nord America decenni prima di Cristoforo Colombo.

Mike Guns del North Alaska Museum e Robin Mills del Land Administration Bureau erano dietro la scoperta, che è stata dettagliata in un recente studio Antico americano.

“Questo è senza dubbio l’inizio della presentazione delle merci europee nel Nuovo Mondo attraverso il trasporto terrestre”, ha detto Kunz. rapporto Pubblicato da Facebookbanks, University of Alaska.

Dal 2004, i ricercatori hanno portato alla luce campane in tre diversi siti archeologici nello stato nord-orientale degli Stati Uniti, tra cui Bunyk Point, che si trova tra antiche rotte commerciali dal Mare di Bering all’Oceano Artico. Per arrivarci, piccoli oggetti hanno percorso 10.000 miglia dall’Italia.

Gioielli extra trovati in Alaska.

Gioielli extra trovati in Alaska.

Gli scienziati hanno anche scoperto diversi braccialetti di metallo, uno dei quali era ricoperto da corde vegetali. Quando hanno inviato la corda per il test al radiocarbonio, Guns ha ricordato: “Siamo quasi caduti all’indietro”. “Allora è venuto semplicemente alla nostra attenzione [the plant was alive at] Qualche tempo nel 1400. Era come, aha! “

Guns and Mills ora credono che le campane siano arrivate a Punic Point tra il 1440 e il 1480. Nina, Pinda e Santa Maria non navigarono nell’azzurro del mare fino al 1492.

Ma c’era una domanda: come ci sono arrivati?

Gli artigiani italiani spesso commerciavano con persone in tutta l’Asia, spiegano gli archeologi nella loro dissertazione. Le campane si diressero a est in Cina prima di dirigersi verso i Popoli Indigeni lungo la Via della Seta, e infine Kunz e Mills nell’Estremo Oriente russo.

Da lì, un commerciante avrebbe potuto intascarli e attraversare il mare di Bering fino all’attuale Alaska. I ricercatori ritengono che i prodotti provenissero da Shashalik, un antico centro commerciale sulla costa occidentale, e furono successivamente trasportati alla Brooks Range da bestiame o cane. Il loro viaggio lì fu sospeso per cinque secoli e mezzo.

Seguire Notizie Artnet Su Facebook:


Vuoi andare oltre il mondo dell’arte? Iscriviti alla nostra newsletter per raccogliere notizie importanti, interviste che aprono gli occhi e recensioni nitide che fanno avanzare la conversazione.

READ  Riuscirà Super Mario a salvare l'Italia?

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PBGOSSIPTV.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
pbgossiptv.com