La dipendenza dei lavoratori europei dal carburante per le ferie giustifica la riqualificazione

La dipendenza dei lavoratori europei dal carburante per le ferie giustifica la riqualificazione

I paesi europei si stanno preparando a ridurre le misure di sostegno senza precedenti per i lavoratori colpiti dalla pandemia di coronavirus, ma milioni di persone fanno ancora affidamento sui programmi di congedo, alimentando le richieste degli economisti di una maggiore urgenza per aiutarli a trovare lavoro in altri settori.

Secondo l’analisi delle statistiche nazionali del Financial Times, alla fine del 2020 più di 6 milioni di posti di lavoro nelle principali economie della zona euro erano ancora sovvenzionati dai principali governi o da piani aziendali a breve termine.

È in calo rispetto agli oltre 23 milioni di aprile, al culmine della prima fase dell’epidemia. Ma il numero di coloro che sono stati rilasciati è nuovamente aumentato negli ultimi mesi con l’inasprimento delle restrizioni in risposta alla diffusione del virus. Le cifre non includono i numerosi lavoratori autonomi, temporanei e occasionali coperti da regimi diversi in alcuni paesi.

In Germania, il numero di lavoratori a tempo ridotto è aumentato di circa il 20% al mese a gennaio a 2,6 milioni, il 7,8% di tutti i dipendenti, secondo l’Istituto Ifo di Monaco. Il numero di persone in Francia Attività parziale È aumentato di 1,3 milioni durante la chiusura di novembre, nonostante sia sceso di nuovo a dicembre.

Stefan Wolf, presidente della Federazione tedesca dei datori di lavoro dell’industria metallurgica ed elettrica, ha affermato che il programma di lavoro a breve termine “ha salvato molti posti di lavoro nel nostro settore”. Ha detto che più di quattro su dieci dei suoi membri lo stavano ancora usando alla fine di gennaio, inclusa ElringKlinger, la società che gestisce che produce guarnizioni e teli di plastica per auto.

Grafico a colonne dei lavoratori coperti dai principali piani di lavoro del governo (in milioni) che mostra milioni di lavoratori della zona euro ancora in vacanza

Ma nonostante il continuo affidamento su questi schemi, sono destinati a essere ridotti nei prossimi mesi.

READ  Focus room con vista: gli investitori guardano ai migliori hotel in Italia

A partire da marzo, i lavoratori del programma di ferie in Francia riceveranno una percentuale minore del loro salario totale e i datori di lavoro dovranno pagarne di più. In Spagna, il congedo è stato recentemente prorogato fino a maggio, ma le esenzioni commerciali dai pagamenti della sicurezza sociale saranno limitate ai settori più colpiti.

Anche il piano dell’Italia scadrà in primavera e il suo divieto economico di licenziamento terminerà a marzo.

Gli economisti sostengono che un certo ridimensionamento è necessario per incoraggiare le persone a passare da lavori che sono diventati economicamente impraticabili.

Andrea Garnero, economista del mercato del lavoro presso l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, ha affermato che “è imperativo migliorare il movimento dei lavoratori dai lavori sovvenzionati a quelli non sostenuti”, aggiungendo che il focus dei programmi di congedo “dovrebbe essere sui lavori che potrebbero tornare ad essere praticabile. “.

Le opzioni per ulteriori restrizioni includono lo spostamento di un maggior costo delle ferie alle aziende. I criteri di ammissibilità, la generosità e la durata delle prestazioni possono anche essere limitati per evitare regimi che si limitano a ritardare la disoccupazione anziché evitarla.

Il grafico a colonne della percentuale della popolazione attiva * che illustra i regimi di sostegno al lavoro ha attenuato i dati ufficiali sulla disoccupazione nell'area dell'euro

“Alle imprese in settori che non sono soggetti a restrizioni obbligatorie potrebbe essere richiesto di sostenere una parte dei costi dei piani aziendali per un breve periodo, oppure potrebbero essere introdotti limiti alla durata massima dei piani di mantenimento del lavoro”, ha affermato Garnero.

“L’ammissibilità dei sistemi per la sovvenzione o l’importo offerto può anche essere limitata, in base al volume delle vendite perse”, ha detto Jessica Hinds, economista di Capital Economics.

Ma gli economisti e i responsabili politici si sono preoccupati delle conseguenze del ridimensionamento dei piani, temendo un forte aumento della disoccupazione se eliminata prima della fine della pandemia.

READ  Vaio resuscita il lussuoso laptop Z e realizza un nuovo dispositivo in fibra di carbonio

Bert Cullen, un economista di ING, ha avvertito che “ad un certo punto, più aziende inizieranno la ristrutturazione e che la disoccupazione ritardata potrebbe essere il risultato della fine definitiva dei piani”.

All’inizio di questo mese, Christine Lagarde, presidente della Banca centrale europea, ha esortato i paesi a “stare attenti al baratro” della spesa pubblica e “continuare a ospitare il personale … per tutto il 2021, speriamo anche di vedere l’esito delle vaccinazioni e la rimozione di misure di blocco graduali. “.

Alcuni governi stanno già cercando di incoraggiare i lavoratori a riqualificarsi. Nei Paesi Bassi, i datori di lavoro che chiedono sostegno per il mantenimento del lavoro sono tenuti a dichiarare di incoraggiare attivamente la formazione. In Francia, i vantaggi del sistema di mantenimento del lavoro aumentano dall’84% degli stipendi netti dei lavoratori al 100% quando ricevono una formazione. In Germania, Paesi Bassi e Italia, i governi hanno offerto corsi di formazione interamente finanziati e stanziato fondi per le aziende per fornire formazione o assumere tirocinanti.

Ci sono anche indicazioni che l’uso dei programmi di congedo si sta concentrando maggiormente nelle industrie più colpite.

A gennaio, secondo Ifo, il 56% della forza lavoro tedesca degli hotel e dei ristoranti lavorava per poco tempo, la percentuale più alta in qualsiasi settore. Al contrario, meno del 9% dei lavoratori manifatturieri era impiegato in tali programmi, in calo rispetto al 30% di maggio.

Un grafico a colonne del numero di lavoratori per settore (in milioni) mostra che l'uso del congedo tedesco si sta concentrando maggiormente nelle industrie in difficoltà

Anche con il congedo, Ingrid Hartzegs, direttore generale dell’associazione tedesca di hotel e ristoranti Dehoga, ha affermato che “sta diventando sempre più difficile per le aziende trattenere i propri dipendenti”. Il numero di lavoratori impiegati da hotel e ristoranti tedeschi è sceso del 9% su base annua a poco meno di un milione di lavoratori a novembre, il che indica che stanno trovando opportunità in altri settori.

READ  Sonak utilizza il bilancio per avviare la riforma delle finanze pubbliche del Regno Unito | Bilancio 2021

L’economista di Allianz Katarina Outermühle ha affermato che, sebbene i programmi di ferie “fossero i soli responsabili della creazione del miracolo del mercato del lavoro in Europa”, “non erano una panacea”.

“Più a lungo persiste la crisi, maggiore è la necessità di integrare i piani di mantenimento del lavoro con politiche attive del mercato del lavoro, per concentrarsi maggiormente sulla creazione di posti di lavoro futuri piuttosto che sul salvataggio di quelli di oggi”, ha affermato.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PBGOSSIPTV.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
pbgossiptv.com