L’Italia ottiene un’amministrazione verde mentre Draghi guarda ai finanziamenti dell’UE

L’Italia ottiene un’amministrazione verde mentre Draghi guarda ai finanziamenti dell’UE

MILANO – Il primo ministro Mario Draghi ha messo il cambiamento climatico al centro dei suoi piani per governare l’Italia creando una grande amministrazione per garantire che la transizione verso l’energia verde stimoli la ripresa e utilizzi appieno i fondi dell’UE.

Il primo compito di Draghi sarà riformulare il piano di ripresa italiano, che dovrà essere consegnato alla Commissione europea entro aprile per attingere a più di 200 miliardi di euro (240 miliardi di dollari) di fondi necessari per rilanciare l’economia colpita dalla recessione.

In base all’accordo dell’Unione europea, il 37% di questo denaro dovrebbe essere destinato alla transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio.

L’ex capo della Banca centrale europea, insediato sabato come capo del governo di unità nazionale formato per portare l’Italia fuori dalla crisi del coronavirus e dalla recessione economica, ha scelto il fisico Roberto Singolani a capo di un nuovo ministero dell’ambiente di transizione.

“Il nostro governo sarà un governo ambientale”, ha detto Draghi alla prima riunione di gabinetto sabato.

Nel suo ruolo, Singolani si occuperà degli affari energetici precedentemente condivisi con altri ministeri e fusi con il portafoglio ambientale.

Chief Technology and Innovation Officer di Italian Defence Group Leonardo e membro del consiglio di amministrazione di Ferrari, il 59enne ha lavorato in importanti centri di ricerca scientifica in Germania, Italia, Giappone e Stati Uniti, concentrandosi su robotica, intelligenza artificiale e “digital humanities”.

La sua nomina è un segno dell’intenzione di Draghi di coinvolgere esperti nell’impiego del fondo di recupero dell’UE e nella selezione di tecnologie appropriate per guidare lo sviluppo a lungo termine.

La creazione del nuovo gabinetto ha contribuito a ottenere il sostegno del movimento cinque stelle italiano, che è orgoglioso delle sue credenziali ecologiche, ma ha dovuto affrontare una lotta interna sulla prospettiva di entrare a far parte di un governo che include i suoi oppositori politici.

READ  Gli investitori stanno guadagnando fiducia dall'introduzione dei vaccini Covid

“Sin dal primo round di consultazioni con i partiti politici, Draghi ha messo la transizione ambientale in cima alla sua agenda”, ha detto Vito Karimi, il leader a 5 stelle.

Raggio limitato

Tuttavia, alcuni membri a cinque stelle sono rimasti delusi dal fatto che il nuovo ministero avrebbe assorbito solo il braccio energetico del Ministero dell’Industria e non il resto, che include la risoluzione degli affari internazionali e delle crisi commerciali.

Per alcuni, è anche al di sotto del modello francese più ambizioso del suo ministero di transizione, sostenuto dal presidente Emmanuel Macron, e che sovrintende ai trasporti e alle infrastrutture – sebbene Singolani presiederà un “comitato interministeriale” che Draghi formerà per coordinare la transizione.

Ma le aziende sperano che il nuovo top management risolva un problema creato dalla sovrapposizione di responsabilità dei Ministeri dell’Industria e dell’Ambiente per i progetti di licenza.

“I due ministeri hanno una storia di non incontrarsi faccia a faccia, e spesso riflettono diversi programmi politici”, ha detto David Tabarelli, capo del Nomsma Energy Research Center. “Mettere la transizione sotto lo stesso tetto dovrebbe semplificare le cose”.

La politica climatica è al centro dell’agenda di Bruxelles, che vuole raggiungere le emissioni nette zero entro il 2050, e alcuni paesi hanno già creato ministeri separati, tra cui Francia, Spagna e Portogallo per aiutare a raggiungere l’obiettivo.

La mossa di Draghi arriva mentre l’Italia si prepara a ospitare i colloqui sul clima con la Gran Bretagna entro la fine dell’anno che ora dovrebbero suscitare ambizioni Il presidente Joe Biden ha riportato gli Stati Uniti negli sforzi delle Nazioni Unite per frenare il riscaldamento globale.

Coincide anche con le difficoltà dell’Italia nel raggiungere gli obiettivi verdi poiché la burocrazia rallenta lo sviluppo delle energie rinnovabili, il che potrebbe vanificare i suoi piani di utilizzare appieno il denaro europeo.

READ  RIL definisce il piano emanato dal business O2C

Diverse aziende si sono lamentate del fatto che il processo di autorizzazione eccessivamente complicato sta ostacolando i progetti.

“Questo mette a rischio il fondo di rimborso. Circa il 70% delle sovvenzioni sarà erogato tra il 2021 e il 2023 e deve essere speso entro il 2026, il che è impossibile se non ci sono permessi”, ha detto una delle fonti coinvolte nel processo del fondo di rimborso. a condizione di anonimato.

A dicembre, i leader dell’Unione europea hanno deciso di ridurre le emissioni nette di gas a effetto serra di almeno il 55% rispetto ai livelli del 1990 entro il 2030, rafforzando nel contempo l’attuale obiettivo del 40%.

Ciò sta spingendo l’Italia a riformare il suo piano energetico dello scorso anno che prevede l’utilizzo di energie rinnovabili per compensare il 30% del consumo finale di energia entro il 2030, dal 17% nel 2019, e per aumentare la capacità verde a 95 gigawatt da 55 gigawatt.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PBGOSSIPTV.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
pbgossiptv.com