Mese della storia LGBT +: come il campione dell’11 settembre ha ispirato il più grande torneo di rugby amatoriale del mondo

Mese della storia LGBT +: come il campione dell’11 settembre ha ispirato il più grande torneo di rugby amatoriale del mondo
Non è Hoagland
Il figlio di Alice Hoagland, Mark Bingham, morì sul volo United 93 durante gli attacchi dell’11 settembre

Alice Hoagland non ha mai dimenticato l’ultima volta che ha parlato con suo figlio, Mark Bingham. Era l’11 settembre 2001 e stava chiamando da un aereo dirottato.

“Ha detto che era sul volo 93, e c’erano tre uomini che hanno preso l’aereo”, ha detto alla BBC il giorno dopo gli attacchi.

Gli ho chiesto di queste persone, ma sembrava distratto e non ha sentito la domanda, poi è tornato e ha detto: “Esatto”.

“Gli ho detto che lo amavo, e poi è morto.”

United 93 si schianta in un campo in Pennsylvania, uccidendo tutti a bordo.

Quando il Rapporto della Commissione sull’11 settembre è stato pubblicato nel 2004, raccontava come le telefonate da e verso l’aereo, così come le conversazioni registrate dall’interno della cabina di pilotaggio, mostravano che un gruppo di passeggeri si era precipitato alla porta. Stavano per riprendere il controllo dei dirottatori quando l’aereo si è schiantato.

Mark Bingham è stato uno dei passeggeri che hanno guidato la ribellione. È stato salutato come un eroe.

Fu anche l’ispirazione per la Bingham Cup, che divenne il più grande torneo amatoriale di rugby del mondo.

Le origini della Bingham Cup

Ritratto di Alice Hoagland (a sinistra) e suo figlio Mark Bingham (a destra)
Alice Hoagland è stata parte integrante della crescita dell’evento chiamato in onore di suo figlio

Nei giorni successivi all’11 settembre, il mondo ha imparato di più su Bingham e sulla sua passione per fare del rugby uno sport in cui tutti si sentano i benvenuti.

È nato in Florida, prima che lui e sua madre si trasferissero in California.

Non avevano molto. Parlando a World Rugby nel 2019, Hoagland li ha descritti come “più poveri del topo della chiesa” e in parte sono sopravvissuti grazie al pesce catturato da suo figlio, ma erano notevolmente vicini.

READ  Mullen e Christie danno il via alla campagna del campionato mondiale irlandese

Bingham al liceo in California ha scoperto uno sport che gli avrebbe cambiato la vita.

Hoagland ha ammesso: “Ero un po ‘preoccupato, perché avevo un’idea molto spaventosa di cosa fosse il rugby”.

Ma non importava: suo figlio era agganciato.

Finì per guidare la sua squadra scolastica e continuò a giocare all’Università della California, a Berkeley, dove andò da sua madre.

Dopo il college, Bingham ha firmato per suonare per la squadra all-around di San Francisco Vogue.

Iniziò a discutere i piani per formare un club completo a New York – aprì un ufficio PR per la sua azienda. Si era impegnato a rendere lo sport il benvenuto a tutti.

“Abbiamo la possibilità di essere un modello per altre persone LGBT che vogliono giocare, ma non si sono mai sentite abbastanza bene o abbastanza forti”, ha scritto in una e-mail.

“Soprattutto, abbiamo l’opportunità di dimostrare alle altre squadre che siamo bravi come loro. Buoni giocatori di rugby. Buoni partner. Buoni sport. Bravi uomini”.

Bingham non è mai vissuto abbastanza per vedere questa squadra, i Cavalieri di Gotham, nascere.

Ma nel giugno 2002, un gruppo di club all-around si sono riuniti a San Francisco per tenere un torneo commemorativo in suo onore.

Hoagland era lì per presentare il trofeo ai vincitori e la Coppa Bingham è nata.

La “madre” del movimento rugbistico gay

Non è Hoagland
Alice Hoagland ha assistito al torneo che si terrà negli Stati Uniti, nel Regno Unito, nei Paesi Bassi e in Australia

È difficile sottovalutare l’importanza del ruolo di Hoagland nella crescita della Bingham Cup, o come la sua morte nel dicembre 2020 sia stata devastante per la comunità del rugby gay.

Ha fatto parte di ogni torneo sin dal suo inizio e ha visto l’evento biennale crescere da umili inizi in una competizione che ha attirato migliaia di persone da tutto il mondo.

READ  30 Miglior Set Regalo Donna per te

Ha visto l’evento spostarsi in tre diversi continenti, ed è stata così apprezzata che uno dei trofei del torneo è stato premiato in suo onore.

Ben Owen, ex presidente dell’International Gay Rugby, ha detto alla BBC nel 2018 perché Hoagland era una parte così integrante dell’evento.

Ha detto: “L’ha fatta esplodere quanto amore e sostegno sente e quanto sia importante mantenere vivo il ricordo di Mark”.

“Per lei, la cosa più importante è che stiamo portando la comunità LGBTQ + nel rugby, perché sa quanto sia importante per Mark e quanto sono i club in generale per lui”.

Per molti giocatori, Alice Hoagland non era solo la madre di Mark Bingham.

È diventata, durante i tornei successivi, quella che un giocatore ha definito “la madre forte, gentile e amorevole di tutti noi – e la madre del movimento gay di rugby”.

il futuro

Tebani caledoniani
I Caledonian Thebans si sono formati come squadra di rugby gay e inclusiva nel 2002

La crescita della Bingham Cup non ha cambiato i valori fondamentali che Hoagland e altri hanno instillato nel loro nucleo: inclusività, uguaglianza e sportività.

Ma la pandemia Covid-19 ha costretto gli organizzatori a cambiare rotta lo scorso anno, rinviando il torneo del 2020 a Ottawa e riprogrammandolo al 2022.

Dopo di che, chi lo sa?

Ospitare la Bingham Cup può portare notevoli vantaggi economici alla città e alla statura dei club in cui si svolgono le partite.

Mentre l’evento continua a crescere, più organi di gestione tradizionali stanno prestando il loro sostegno dietro il processo di offerta.

L’evento si è tenuto a Londra (2004), Dublino (2008) e Manchester (2012) e Luke Fenton, presidente del club di rugby a tutto campo Caledonian Thebans, spera di portarlo in Scozia.

READ  30 Miglior Spalding Pallone Basket per te

“Edimburgo è la città del rugby – abbiamo Murrayfield qui e stiamo lavorando con la Federcalcio scozzese, che è uno dei nostri più grandi difensori”.

“Abbiamo la città, gli spazi, gli stadi, la cultura e abbiamo l’entusiasmo di ospitare qualcosa che sarà assolutamente incredibile”.

Il primo posto sicuro nello sport

Gli arbitri di Sydney hanno vinto la Bingham Cup ad Amsterdam nel 2018
Gli arbitri di Sydney hanno vinto la Bingham Cup ad Amsterdam nel 2018

Per alcuni giocatori, la Bingham Cup ha raggiunto l’impossibile e ha creato uno spazio in cui, come membri della comunità LGBTQ +, si sono sentiti i benvenuti nello sport per la prima volta.

Tom Crotty, membro dei Sydney Convicts che ha vinto la Bingham Cup ad Amsterdam nel 2018, ha dichiarato: “Eravamo tutti nell’attico prima di quella partita finale, e il nostro allenatore ci ha chiesto di prendere un momento per pensare al motivo per cui eravamo lì. Ha giocato, Rugby.

“ Uno per uno, abbiamo fatto un giro e abbiamo parlato della nostra esperienza personale, inclusi alcuni ragazzi che erano sinceri sul motivo per cui hanno deciso personalmente di combattere fianco a fianco con noi, e questo è stato un diritto travolgente e immenso potere motivazionale.

“I valori e l’eredità della Bingham Cup sono intrecciati nel tessuto del nostro club, ma non credo che fino a quando non andrai in prima squadra lo capirai veramente.

“È fantastico andare a un evento internazionale e restare con queste persone da tutto il mondo, non solo con il tuo amore per lo sport, ma anche con chi sei”.

È un giusto tributo a Mark Bingham, Alice Hoagland e ai valori che hanno a cuore.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PBGOSSIPTV.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
pbgossiptv.com