Recensione ‘Sin’: Andrei Konchalovsky su Michelangelo, coppia di professori

Recensione ‘Sin’: Andrei Konchalovsky su Michelangelo, coppia di professori

Il film “Sen” di Andrei Konchalovsky non era né doloroso né allegro, ma fortemente cinematografico, poiché il veterano regista russo affronta il mistero del genio con quella che può essere definita lussuosa determinazione. È una ricreazione del Rinascimento che sembra sontuosa e stimolante, tra parentesi dallo sguardo infinito delle Alpi italiane da un lato, e dall’altra, il gocciolio quotidiano delle strade di Firenze o Roma dai secchi della spazzatura vuoti; Tra di loro, tra papi e contadini, un uomo ha fatto arte immortale. Ma mentre il profondo fascino di “Sin” attira l’attenzione, non integra completamente i suoi vari filoni di conflitto in una visione coerente della situazione unica dell’artista arrabbiato.

Tuttavia, il fondamento, in primo luogo, della vivacità della produzione di Konchalovsky come regista, che si avvicina al suo 84 ° compleanno, non mostra segni di frenata in una carriera incomparabile, una professione che ha visto negli anni adattamenti di grandi artisti russi (Cechov, Tchaikovsky ) e adattamenti per me Motivi hollywoodiani (ricordi “Tango and Cash?”). Più recentemente, è approdato in una sorta di stile d’essai europeo – caratterizzato dal suo uso impressionante di inquadrare il rapporto accademico simile a una scatola – che lo ha visibilmente rivitalizzato. Perché mentre Sin, scritto con la costante collaboratrice Elena Kisileva, è stato presentato in anteprima al Festival Internazionale del Cinema di Venezia nel 2019, Konchalovsky stava simultaneamente ponendo fine a un potente dramma storico sovietico “Dear Comrades”, che è stato rilasciato per i generi delle riviste internazionali e presenta la fanfara degli Oscar The la stenografia che puoi vedere è il suo coronamento.

READ  La data di uscita dell'esercito di Zach Snyder potrebbe essere dal set dei morti

Dove “cari compagni” e la sua rappresentazione di un tragico evento nella vita del regista battendo con un morso dal passato del suo paese, la coproduzione italo-russa “Sen” e l’immagine del grande artista appartengono a un genere metaforico di regia che non è raro per registi sicuri di sé con una vasta gamma di esperienza che cercano di creare i film. Qui è rappresentato dalla colossale massa di marmo di Carrara – che Michelangelo (Alberto Teston) e gli operai della cava assegnarono per scaricarlo amorevolmente considerato “il mostro” – che speriamo trasformi in qualcosa di bello, meraviglioso e senza tempo (che sia o no piace ai suoi ricchi sostenitori).

Mentre “Sin” inizia – con un prologo ironico allo scultore irsuto e indigeribile che balbetta sulla strada per Firenze mentre un contadino si ferma vicino a lui per guardare – Michelangelo è distrutto e distrutto dagli anni trascorsi a dipingere la Cappella Sistina a Roma, mentre a malapena un progetto di una scultura realizzata Dal 42 alla tomba di Papa Giulio II (Massimo de Frankovic). Quando Giulio muore e Leone X (Simon Tofanin) della famiglia Medici assume la presidenza pontificia, l’artista – visioni a volte consumanti – si ritrova intrecciato con le richieste di una commissione trascurata alla ricerca dei migliori nuovi attori del potere. Per non parlare di dover navigare con coetanei gelosi, familiari fastidiosi, pastori minacciosi e il suo spirito intransigente.

Poiché uno dei primi importanti crediti di Konchalovsky è la scrittura del primo capolavoro di Andrei Tarkovsky, la biografia del pittore “Andrei Rublev”, si è tentati di vedere “Sin” e la sua miscela di terreno (l’aspetto polveroso e cupo di Teston) e spiritualità (il desiderio di Michelangelo di mostra il suo idolo Dante) come suo personaggio di regia Sulla complessa vita di un artista creativo. Questo collegamento è facilmente evidente nella sequenza più interessante di “Sin”: lo sforzo necessario per trasportare il prezioso “mostro” di marmo di Michelangelo, che può essere un grido di campane, pericolo e gloria – riversando le scene in “Rublev”.

READ  L'arrangiamento del Royal Gorge Lodge per Italian Sons and Daughters in America celebra 10 anni - il record giornaliero di Canon City

A parte questa vivida resa dell’azione di un traditore, il “peccato” è tutt’altro che casualmente interessante come penetrazione nella mente di un maestro torturato. La navigazione del sito e la pressione sulla cronologia possono essere schiaccianti e il ritratto realistico di Testone di un essere umano egoista trascinato in molte direzioni non sempre equivale a una finestra sul rapporto del suo soggetto con il suo talento divino.

Tuttavia, l’originalità generale degli altri interpreti – in termini di look and feel – è una costante, così come la raccolta di composizioni evocative Konchalovsky e il direttore della fotografia Alexander Simonov attraverso la pittoresca Italia. “Sin” può alla fine assomigliare a qualcosa di amorfo e desiderabile, ma anche un blocco di marmo non formato si distingue per la sua straordinaria bellezza compositiva.

‘senza’

In italiano con sottotitoli in inglese

non classificati

Tempo di esecuzione: Due ore e 16 minuti

Giocare: Inizia il 19 febbraio Laemmle Virtual Cinema

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PBGOSSIPTV.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
pbgossiptv.com