Serie A italiana: il sogno non era libero a Roma

Serie A italiana: il sogno non era libero a Roma

La città che è riuscita a conquistare il mondo non è in grado di rinnovare l’ultimo campionato che porta il suo nome nel 2001 nonostante fatiche, passione e ricchezza siano rimaste lungo la strada (quasi 1.000 milioni). Il sogno non è mai stato libero. Ma il prezzo qui non si misura solo in euro.

Il club ha un hobby insolito. Ha ingaggiato alcuni dei migliori giocatori negli ultimi anni, è stato la patria del calciatore italiano più brillante del 21 ° secolo ed è riuscito a sconfiggere squadre come il Barcellona nei quarti di finale. Il conteggio mondiale da quella data che la Roma tiene da sei mesi – Totti ha ammesso una volta che fino a Natale andava a una festa in memoria ogni fine settimana – sono state due Coppe Italia e una Supercoppa. Lo stesso di Saragozza in Spagna.

Il modello statistico che decodifica le nuove alegrías – scudetti del 1982-83 e 2000-01 – suggerisce che l’emergere del nuovo titolo dovrebbe avvenire presto. Nel 2010 è quasi successo, ma hanno rovinato con la Samp a tre gare dalla fine e che è finita nelle mani dell’Inter de Mourinho. Poi, ogni estate, quando le luci di Trigoria sono accese, sembra che stiano cadendo. Ma la verità è che ci sono poche indicazioni chiare, oltre al fatto che la famiglia Franklin, la famiglia americana che lo ha acquistato quest’anno, vuole investire e finalmente costruire il nuovo stadio.

Dal loro arrivo non si sono persi un solo incontro. In questi giorni si parla del possibile arrivo di Massimiliano Allegri, allenatore che non è mai entrato inutilmente in cabina. Adesso è il momento di ingoiare la polvere. Ieri ha battuto il Genoa 1-0 al quarto posto, in attesa della sfida odierna tra Atalanta e Inter.

READ  La Juventus sarà la prima squadra italiana ad apparire nella serie di documentari sportivi di Amazon "All or Nothing"

La Roma ha acquistato alcuni dei migliori giocatori degli ultimi mercati. Ma ha preferito il fondo e il bilancio positivo di fine stagione a mettere in campo in modo ordinato quel talento. Se non si è sbarazzato di tutti i titoli d’argento, come una vecchia famiglia distrutta – pagare per Totti non è stato facile – oggi avrà uno dei migliori arredi d’Europa: Alison, Marquinhos, Pjanic, Benatia, Salah .. sapeva come passare un po ‘di tempo, ma è anche lì che non si è sbarazzato di jinx. Quando hanno portato Monchi, il mago delle occasioni europee, nel 2017, non ne hanno dato uno. Kluivert, Nzonzi, Pastori … Sevillian ha sofferto per due anni ed è tornato a casa con discrezione. L’anno successivo, in una nuova perplessità romana, tornò a fare la sua magia a Siviglia.

L’inno di Antonio Vendetti dice: “Roma non si discute, si ama”. Una questione di fede, non di punti. Ed è così che funziona. Oggi il Giallorsossi è, insieme all’Hertha Berlino (e alla Lazio ovviamente), l’unico club di una grande capitale europea che non ha potuto competere con i grandi negli ultimi due decenni. Perché? Fabio Capello, l’artefice dell’ultimo scudetto, diceva che in città sono tante le radio dedicate alla Roma. Alcuni hanno trasmesso in streaming infotainment e intrattenimento 24 ore su 24 per Tivosi, ed è passato al divano. “Non discusso” cambia ogni sconfitta e ogni vittoria nell’ultimo passaggio. E gli allenatori, si riferiva Capello, soffrono di questo incostante stato d’animo collettivo. Ma anche giocatori.

Gianluigi Buffon dice sempre che uno dei segreti della Juventus è che lui o qualsiasi altro giocatore può prendere un caffè a un tavolino del Bar Torino e leggere il giornale senza essere interrotto da nessuno. Nella Roma invece è impossibile anche per il terzo portiere della squadra. A Francesco Totti è stato chiesto una volta del suo sogno: “Vai al supermercato e cammina per Via del Corso”. Probabilmente era il più economico che avevano gli zingari.

READ  Sei Nazioni 2022: l'Irlanda è una squadra in difficoltà dopo aver sconfitto la Francia senza alcun compiacimento in vista

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PBGOSSIPTV.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
pbgossiptv.com