Simon Coveney chiede ai membri del Parlamento europeo di rinviare la decisione dell’UE che condanna la detenzione di un irlandese in Cina

Simon Coveney chiede ai membri del Parlamento europeo di rinviare la decisione dell’UE che condanna la detenzione di un irlandese in Cina

Non definito (2)

Fonte: famiglia O’Halluran

Il segretario di Stato Simon Coveney ha chiesto ai deputati irlandesi di ritardare la presentazione di una decisione che condanna la detenzione dell’uomo d’affari di Dublino Richard O’Loran in Cina.

Cofini ha chiesto agli eurodeputati Barry Andrews e Sean Kelly, che hanno coordinato il loro approccio sulla questione Ulloran, di rinviare la presentazione della proposta alla plenaria del Parlamento europeo a marzo in quanto prosegue “intenso impegno ad alto livello politico e diplomatico” con le autorità cinesi .

A Richard O’Loran, padre di quattro figli, è stato vietato di lasciare la Cina da febbraio 2019, quando si è recato a Shanghai per risolvere un problema commerciale e legale in corso che coinvolge il proprietario cinese della compagnia per cui lavora – China International Airline Charter con sede a Dublino Servizio di leasing di volo (CALS Irlanda).

Non ci sono accuse di illeciti contro Uhloran, ma le autorità cinesi si sono rifiutate di consentire al 45enne di lasciare il Paese. Il mese scorso l’Ufficio di pubblica sicurezza cinese (PSB) ha detto a O’Halloran che il divieto di uscita che gli era stato imposto era stato revocato; Tuttavia, quando ha cercato di salire a bordo di un volo all’aeroporto di Shanghai il 10 gennaio, le autorità lo hanno restituito.

Andrews e Kelly hanno accettato di rinviare la loro proposta su richiesta di Coveney. La prossima opportunità sarà per loro di prendere il caso Ulloran a livello di Unione europea durante la prossima sessione plenaria a metà aprile. Andrews ha detto TheJournal.ie Lui e il mio agente sono pronti a fare tutto ciò che è nel migliore interesse della famiglia O’Halloran

“Sarò informato in ogni momento dalla famiglia e su ciò che pensano sia nel loro interesse. Se vogliono intensificare questo problema a livello europeo, andremo avanti”.

Allo stesso modo, la discussione di Seanad sul destino di O’Halloran è stata rinviata di due settimane il 15 febbraio dopo che il segretario Covini ha chiamato il senatore indipendente Michael McDowell per dire che i negoziati erano in una “fase delicata” e che la discussione sulla questione aveva “riavviato il processo”.

McDowell ha detto a Seanad che stava concedendo il “beneficio del dubbio” all’amministrazione nel non discutere la questione dalla Camera dei Rappresentanti, ma avrebbe portato avanti la proposta entro due settimane se il rilascio di O’Halloran non fosse stato ottenuto nel frattempo.

Andrews ha affermato che la stesura della risoluzione per la sessione di aprile non è stata ancora formulata, ma la sua priorità sarà quella di evidenziare “l’illegalità della pratica della diplomazia degli ostaggi nel diritto internazionale” e di considerare l’imposizione di sanzioni alle autorità cinesi.

“Problemi non correlati”

La decisione proposta giunge in un momento particolarmente delicato per le relazioni UE-Cina, poiché i membri del Parlamento europeo sono destinati a rappresentare l’ultimo ostacolo alla ratifica del controverso accordo di investimento tra l’Unione europea e Pechino.

READ  Un uomo è stato incarcerato dopo aver rubato del cibo a un senzatetto morto nel centro di Belfast

“Il commercio è importante e ci sono vantaggi per le aziende europee in questo progetto di accordo”, ha detto Andrews. “Ma noi siamo parlamentari, dobbiamo avere politiche commerciali basate sui valori, rispetto dei diritti umani, dei diritti dei lavoratori e rispetto per l’individuo”. L’accordo di investimento globale (CAI) tra Cina e Unione europea è stato concordato in linea di principio il 30 dicembre.

Il parere dei deputati al Parlamento europeo è importante perché dovranno approvare l’accordo sugli investimenti, anche se non è prevista una votazione fino alla fine dell’anno al più presto.

L’Unione europea ha portato avanti l’accordo CAI nonostante le preoccupazioni per la situazione dei diritti umani della Cina, inclusa la detenzione di massa di almeno un milione di uiguri e altri musulmani di lingua turca, secondo i gruppi per i diritti umani. Sia il Canada che gli Stati Uniti hanno descritto il trattamento riservato da Pechino agli uiguri nello Xinjiang come un genocidio.

Human Rights Watch Dice che la Cina ha aumentato in modo significativo la persecuzione nei confronti delle minoranze musulmane nello Xinjiang attraverso il sistema giudiziario formale, emettendo lunghe pene detentive con accuse come “individuazione delle differenze” e doni ai parenti all’estero.

Il mese scorso, i membri del Parlamento europeo hanno approvato in modo schiacciante una risoluzione che condanna ampiamente la repressione del governo centrale nei confronti degli attivisti di Hong Kong.

La risoluzione chiedeva “sanzioni mirate” contro funzionari cinesi e di Hong Kong ritenuti responsabili dell’azione della polizia.

I legislatori dell’UE hanno affermato di “deplorare” la gestione dell’accordo di investimento e hanno affermato che i colloqui sull’accordo avrebbero dovuto essere utilizzati “come strumento di pressione volto a preservare un alto grado di autonomia a Hong Kong, nonché i suoi diritti e le libertà fondamentali . “

In risposta alla decisione di Hong Kong, Pechino ha esortato i legislatori dell’UE a “affrontare la realtà del ritorno di Hong Kong in Cina”. Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Hua Chunying ha detto all’epoca che la decisione mostrava che alcuni membri del Parlamento europeo “confondevano il bene e il male” e si erano impegnati in “palesi interferenze negli affari cinesi di Hong Kong”. Ha detto che il Parlamento dell’Unione Europea dovrebbe “fermare ogni forma di interferenza”.

Nell’ambito del prof Nuova strategia aziendaleL’Unione Europea ha detto che metterà in atto meccanismi per garantire che le aziende non utilizzino il lavoro forzato, con il Parlamento Europeo che ha annunciato il suo desiderio di firmare Pechino sul divieto dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) sull’uso del lavoro forzato.

Andrews ritiene che ci siano “pochissime possibilità” che la Cina affronti la questione più ampia del lavoro forzato con soddisfazione dei parlamentari entro la fine dell’anno.

L’accordo prevede che i cinesi faranno continui sforzi per ratificare le convenzioni dell’Organizzazione internazionale del lavoro sul lavoro forzato. Penso che il Parlamento europeo si aspetti che sia più forte. Ci aspettiamo di vedere non solo la ratifica degli accordi, ma anche l’attuazione. I cinesi hanno legalizzato molte cose che non hanno mai effettivamente messo in legge.

Ha aggiunto: “Dobbiamo anche riconoscere i limiti della politica commerciale per raggiungere tutti questi obiettivi. Se lo facessimo, non faremmo davvero affari con nessuno”.

READ  Il Regno Unito chiede all'Unione Europea di sbarazzarsi delle "cattive intenzioni" sulla Brexit

Ec5WiYfXYAIHjMc

Tara e Richard O’Halloran.

Fonte: Save Richard Now Twitter

In un’intervista con TheJournal.ieL’ambasciatore cinese in Irlanda He Xiangdong ha affermato che i membri del Parlamento europeo non dovrebbero tenere “in ostaggio” l’accordo commerciale sull’aeroporto del Cairo per “questioni non correlate”.

Prima di tutto, dirò che questo tipo di accusa non è corretto. Molti di loro non hanno alcuna base. La seconda cosa è che dobbiamo separare queste due cose “, ha detto l’ambasciatore.

Non possiamo tentare di tenere l’accordo in ostaggio per questioni non correlate … I vantaggi di questo accordo sono vantaggiosi in modo neutro. È vantaggioso per la Cina e vantaggioso per gli Stati membri dell’Unione europea.

“Alla fine, spetta a loro prendere la propria decisione se vogliono uccidere un ottimo accordo per la Cina e l’Unione europea, compresa l’Irlanda”.

Alla domanda sul caso di Ulloran nel contesto dell’aeroporto internazionale del Cairo e sul futuro del business irlandese in Cina, ha detto: “Di tanto in tanto si verificano casi individuali eccezionali.

“Ci sono migliaia di uomini d’affari irlandesi in Cina … Sono in una posizione migliore di me”, ha detto.

Per quanto riguarda la situazione dei diritti umani in Cina e il trattamento dei musulmani uiguri, l’ambasciata cinese ha affermato che “le accuse di genocidio e lavoro forzato sono bugie del secolo”.

“Se coloro che accusano la Cina vogliono davvero conoscere il vero Xinjiang, sono invitati a visitare la regione e parlare con i residenti e vedere di persona. Tuttavia, ci opponiamo fermamente alla cosiddetta indagine basata sulla colpa”.

Irlanda - Dublino - Cina - Ambasciatore - accreditamento

Il presidente Michael De Higgins riceve una lettera di credito dal neo-nominato ambasciatore cinese in Irlanda He Xiangdong nel 2019.

Fonte: Xinhua News Agency / PA Pictures

Fine Gael, membro del Parlamento europeo, Frances Fitzgerald, ha affermato che a seguito della decisione di gennaio su Hong Kong, il Parlamento esaminerà attentamente l’accordo commerciale internazionale, comprese le sue disposizioni sui diritti dei lavoratori.

“Vogliamo vivere in un mondo in cui i diritti umani siano rispettati e vogliamo fare affari”, ha detto Fitzgerald.

Dobbiamo ugualmente farlo nel contesto dei diritti umani e dei diritti del lavoro. Questi sono i punti che solleveremo mentre avanziamo in questo parlamento “.

Fitzgerald ha affermato che se i funzionari cinesi non avessero intrapreso alcuna azione sulle questioni del lavoro e dei diritti umani entro il momento del voto per la ratifica dell’accordo sull’aeroporto internazionale del Cairo, “sarebbe dannoso per la Cina”.

READ  AUKUS: Mantenere l'Occidente unito "richiede molto sforzo", afferma un funzionario tedesco, mentre la Francia infuria per l'accordo sui sottomarini nucleari | notizie dal mondo

Taoiseach Micheál Martin ha scritto alla sua controparte cinese, il primo ministro Li Keqiang, chiedendogli di rivedere il caso O’Halloran sulla base di “ragioni compassionevoli”.

Un portavoce del governo ha detto: “Ci sono stati contatti diplomatici regolari e costruttivi tra Irlanda e Cina su questo tema”.

Le autorità dell’Unione europea sono intervenute per la prima volta nel caso Ulloran quando il capo della delegazione cinese al Parlamento europeo, Reinhard Botecover, ha scritto al capo della missione cinese nell’Unione europea, l’ambasciatore Zhang Ming, esprimendo la sua preoccupazione per la detenzione di Ohlor.

# Apri stampa

Nessuna notizia è una cattiva notizia
Supporto per riviste

è tuo Contributi Ci aiuterai a continuare a fornire le storie che ti interessano

Sostienici adesso

L’intervento è arrivato dopo una lettera inviata da Fitzgerald, un membro della delegazione, a Boutiqueover e Zhang, chiedendo assistenza per la risoluzione del caso.

Fitzgerald ha detto che il caso Ulloran va avanti da “troppo tempo” e che l’influenza sulla sua famiglia è “assolutamente inaccettabile”.

“Siamo in viaggio in questo momento, e non dirò nulla per amplificarlo, ma guarderemo molto attentamente per vedere come si svilupperà questo problema”, ha detto, aggiungendo che O’Loran dovrebbe rimanere intrappolato in Cina quando il CAI voterà che influenzerà “il processo decisionale in tutti i membri”. Il “Parlamento europeo” irlandese.

Allo stesso modo, Andrews ha detto che il rilascio di O’Halloran è “estremamente importante” per lui e “non qualcosa a cui posso onestamente guardare indietro”.

Andrews ha detto di aver conosciuto personalmente la famiglia O’Halloran, dopo aver parlato del caso sia con Richard che con sua moglie Tara in numerose occasioni.

Non si tratta solo del suo caso, ci sono altri casi in cui la Cina ha arrestato individui contro la loro volontà di lasciare il paese come parte di controversie sugli investimenti. “È una violazione della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo”, ha detto.

Come molti altri paesi, il Dipartimento degli Affari Esteri ha emesso un avviso di viaggio in Irlanda per quanto riguarda la Cina, evidenziando i rischi di un divieto di uscita.

“Sono legati alla risoluzione del processo legale coinvolto e non è sempre chiaro che sei soggetto a un divieto di uscita fino a quando non provi a lasciare il paese”, Consulente Appunti.

È stata emessa una dichiarazione guidata dal Canada contro la detenzione arbitraria nelle relazioni interstatali, firmata da 58 ministri degli esteri È stato presentato il 16 febbraio.

Il ministro degli Esteri canadese Mark Garneau ha dichiarato: “Questa pratica illegale e non etica mette in pericolo i cittadini di tutti i paesi e mina lo stato di diritto”.

La dichiarazione non specificava alcun paese per nome, ma il Canada ha ripetutamente attirato l’attenzione sul caso di due canadesi che si dice siano tenuti in “detenzione arbitraria” in Cina.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

PBGOSSIPTV.COM È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
pbgossiptv.com